Catalizzatore / Coach di gruppo cognitivo metodo inverseTraining® (formula W/E)

Stronger Together - Credit Topher McGrillisSono aperte le selezioni per 30 posti disponibili (due edizioni da massimo 15 partecipanti ognuna) nella versione intensiva “formula week end” del corso di formazione 1/2016 propedeutico all’abilitazione professionale G-ITC come Catalizzatore e Cognitive Group Coach secondo il metodo inverseTraining®.

Il corso si svolgerà in Roma, dal 18 marzo al 29 maggio e sarà articolato in 5 week end (18 marzo, 1 e 15 aprile, 6 e 27 maggio) in aula della durata di dieci ore ognuno, in modalità mista (frontale e inverseTraining®); oltre a queste saranno previste attività on line, quali esercitazioni, test e consultazione assistita di bibliografie consigliate, per un impegno ulteriore stimato in circa altre cinquanta ore.

Al termine del corso e del tirocinio previsto i partecipanti potranno iscriversi all’esame di abilitazione alla professione di Group InTraCatalyst e Cognitive Group Coach (G-ITC) con il metodo inverseTraining®: il comitato di valutazione IniTs (International Inverse TrainingSociety) si insedierà a Roma dal 27 al 30 giugno per la sessione estiva e dal 12 al 15 dicembre per quella invernale.

Per quanti non fossero iscritti come USER-iT (presentando l’attestato di partecipazione a un incontro preparatorio all’uso del metodo, necessario per prendere parte come utente a corsi in modalità inverseTraining®) è prevista una sessione apposita, della durata di circa due ore, in data da definire; ricordiamo che, come d’uso, quanti avessero già conseguito l’attestato potranno, se lo desiderano, partecipare alla lezione a titolo gratuito.
I Catalizzatori già certificati G-ITC potranno assistere gratuitamente ai corsi in veste di uditori, fino a esaurimento dei posti.

Qui ulteriori informazioni e costi

Pubblicato in Catalizzatori, certificazione, INITS, InTraCatalyst, Inversetraining | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Siti Web Istituzionali e Brand

Siti Web Istituzionali e Brand non sono concetti contrapposti, né alcuna legge obbliga a realizzare siti di enti locali esclusivamente dedicati alle esigenze burocratiche.

Al contrario, il sito web può essere un’occasione per mostrare al visitatore un’immagine invitante, non solo per turisti potenziali, ma anche per investitori o imprenditori alla ricerca di spazi per impiantare attività produttive.

Un nuovo intervento di formazione/workshop in cui vedremo come i siti web degli enti locali possono soddisfare gli obblighi di legge e, allo stesso tempo, essere uno strumento per la valorizzazione del territorio, allo scopo di attirare turismo, investimenti, attività produttive, popolazione, generando valore percepibile dalla stessa cittadinanza.

maggiori particolari

Siti Web Istituzionali e Brand

Pubblicato in brand, marketing, pubblica amministrazione, website | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

La frontiera della scrittura – parte seconda

La Frontiera della Scrittura

Parte seconda: l’Esordiente

di Andrea Marinucci Foa

 

Un tempo la strada di un “aspirante autore” appariva lunga, solitaria e difficile. Oggi invece è lunga, caotica e difficile. E’ cambiato tutto ed è cambiato così poco, allo stesso tempo. Parlando di frontiere, perché Inverse Training® è surf sull’onda dell’innovazione umana, cosa viene offerto oggi a un autore al suo esordio, nel quadro dell’evoluzione dell’editoria e nel pieno della rivoluzione digitale?

Basta guardare i social e ci si accorge subito che nel web lo spazio e i servizi dedicati agli autori alle prime armi è cresciuto a dismisura: editori perlopiù a pagamento, agenzie letterarie, scuole di scrittura creativa, piattaforme e store per il “selfpublishing”. Purtroppo avere troppe informazioni è come averne troppo poche, soprattutto se non si è addentro alle dinamiche e non si hanno le basi per tracciare una rotta.

L’editoria oggi è un mare in tempesta, popolato da ogni genere di creatura. Anche da squali. Prima di gettarsi in acqua è consigliabile un po’ di cautela e tanta pazienza. L’esordiente è spesso impaziente: l’entusiasmo è assolutamente comprensibile e apprezzabile. Per scrivere un libro servono molti mesi e alla fine della scrittura si vuole vedere un risultato concreto prima possibile.

In questo periodo la maggiore rivoluzione editoriale riguarda i rapporti, soprattutto quello tra gli autori e quello con gli edito21787594283_9dde11f747_ori.

L’autore esordiente non è più solo, isolato come un tempo, ma si può calare in una community online, affrontando un enorme caos di opinioni e esperienze che riguardano: la scelta di un editore a cui spedire il proprio manoscritto, se utilizzare una agenzia letteraria e con che criterio sceglierla, se autopubblicare direttamente, quali sono gli errori più frequenti dei libri, quali i punti di forza più apprezzati dai lettori. Il tutto magari in mezzo a altre questioni come l’universo e dintorni, il senso della vita e l’ubicazione del Santo Graal.

In alcuni di questi gruppi, di cui il più celebre è certamente “il Mondo dello Scrittore”, si inconterà gente più esperta, editor, autori, piccoli editori. La rivoluzione comincia qui, dalla fine dell’isolamento di un autore, dal confronto con i “colleghi” e dall’immersione in un mondo molto speciale. Le strade che oggi si aprono a un esordiente passano attraverso la crescita professionale di gruppo e dalla condivisione di una prospettiva artistica che si basa sulla passione comune per la narrativa.

Esistono moltissime ricette già pronte per scrivere un capolavoro, per trovare un editore, per  auopubblicare, per pubblicizzare il proprio libro. Ma queste guide aiutano soltanto se la direzione è chiara e raramente un esordiente può scegliere la sua strada con cognizione di causa, perché le possibilità sono aumentate a dismisura.

Una di queste strade è sicuramente il “selfpublishing”, che permette di pubblicare immediatamente e senza grandi spese (gratis, se ci si limita agli ebook), ma che presuppone la capacità di curare da soli l’editing, l’impaginazione, la copertina, la comunicazione e in futuro la promozione di un’opera. L’editoria indipendente è un settore crescente e molto complesso. E’ materia di un apposito corso Inverse Training®, Sopravvivere all’Autopubblicazione, che ne affronta opportunità e limiti.

Un altro percorso molto interessante è quello di partecipare alle selezioni e ai concorsi dei piccoli editori, anche se è alto il rischio di incappare nella famigerata “editoria a pagamento” (eap). L’attività di scouting degli editori nei social è sempre più intensa e una buona selezione di racconti è un modo rapido e molto efficiente per mettersi alla prova e farsi notare.

FINE DELLA SECONDA PARTE

 

CORSI CONNESSI

Laboratorio Sperimentale di Narrativa, Sopravvivere all’Autopubblicazione


 Contatti

 

Pubblicato in ebook, scrittura, scrittura creativa | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

La frontiera della scrittura – parte prima

L’avvento del digitale ha davvero rivoluzionato l’editoria e il rapporto tra autori ed editori? E su quali skill conviene investire oggi per mantenersi al passo con l’evoluzione editoriale?

 

La Frontiera della Scrittura

Parte prima: l’avvento dell’ebook e la promozione

Di Andrea Marinucci Foa

libro_aperto1

Negli ultimi anni, l’avvento del digitale ha aperto nuove strade e oggi sta conquistando uno spazio considerevole nel panorama editoriale italiano, anche se in misura leggermente minore di quanto accada all’estero. Gli ebook stanno scalando quote sempre più ampie di mercato e gli store online, sempre più forniti ed efficienti nella consegna a domicilio dei libri tradizionali, mettono in allarme la grande distribuzione.

Sui media si assiste all’eterna lotta tra ebook e libro, come se a determinare il valore e l’utilità di un’opera fosse il supporto di lettura e non il lavoro di autori ed editori, la qualità del testo, la ricerca e l’impegno di tutti i talenti coinvolti nella produzione letteraria o saggistica. Non vorrei entrare nel merito delle polemiche che riguardano il buon odore della carta, la tutela degli alberi, la presunta difficoltà ad adattarsi a uno schermo. La maggior parte dei lettori ama profondamente i vecchi libri e non ne farà mai a meno, ma con l’ebook si può accedere a basso costo a opere che non ci si potrebbero mai permettere per questioni economiche o di spazio disponibile, si possono avere istantaneamente opere in lingue straniere e curiosare tra migliaia di opere indipendenti. Come il disco non ha messo in crisi la musica dal vivo, l’ebook non causerà l’estinzione del libro, ma semplicemente porterà le opere là dove non giungerebbero mai altrimenti.

Considerando che l’ebook è in piena salute e che non scomparirà dal panorama editoriale a colpi di bacchetta magica, anzi è probabile che la sua quota di mercato crescerà considerevolmente nel prossimo futuro, vale la pena farsi qualche domanda su come stanno cambiando le nostre abitudini, il lavoro di autori ed editori, la scelta e l’acquisto dei lettori.

Un ebook non facilita affatto la scrittura, l’editing, l’impaginazione e l’illustrazione. Un buon ebook è curato quanto un buon libro tradizionale e si compone degli stessi elementi. Ciò che cambia radicalmente è la distribuzione, la promozione e la diffusione dell’opera. In pratica, l’ebook favorisce l’editoria indipendente che senza grandi spese può oggi raggiungere traguardi importanti e una diffusione globale. Il taglio delle spese tipografiche e di trasporto rende l’ebook il veicolo ideale per le sperimentazioni e per l’emersione di nuovi autori che sono considerati troppo innovativi per il mercato, così come consente di diffondere opere “di nicchia” il cui target è costituito da poche migliaia di lettori.

Quali opportunità professionali offre oggi l’ebook e quali skill servono per affrontare il settore editoriale oggi?

La promozione dei libri digitali sta diventando un settore a sé. Si sviluppa sui social, nei blog, sulle newsletter e su un numero crescente di siti specializzati e si stanno sperimentando sistemi per presentazioni a basso costo, accessibili agli autori indipendenti e alle piccole case editrici. La difficoltà maggiore della promozione digitale è costituita dalla scarsa efficacia della pubblicità sul web e dalla scarsa attitudine al marketing degli autori. La regola che si tende a dimenticare è che, indipendentemente dal mezzo, per vendere serve un buon venditore: forse i vecchi talenti non sono poi così vecchi come si potrebbe pensare. Visto che l’affollamento di titoli negli store non aiuta autori ed editori, che oggi si battono con ogni mezzo per piazzare delle opere nelle famigerate “top 100”, lo spazio degli intermediari diventa sempre più interessante: fioriscono vetrine, siti specializzati, community e gruppi tematici sui social.

La promozione delle opere sta navigando sulla cresta dell’onda ed è uno dei fenomeni più interessanti del web, cui si dedicano sia i singoli autori sia le piccole case editrici; appare probabile che in un prossimo futuro qualcuno troverà una strada vincente, colmando il vuoto che rende la diffusione dell’ebook così difficile per la confusione che ingenera nei lettori l’oceano in tempesta di titoli e di autori gettati alla rinfusa nelle vetrine degli store.

FINE DELLA PRIMA PARTE

 

CORSI CONNESSI

Laboratorio Sperimentale di Narrativa, Sopravvivere all’Autopubblicazione

Pubblicato in ebook, formazione, persone, scrittura, scrittura creativa | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Fatevi i siti vostri!

Che fate quando avete bisogno di un bene o un servizio e non avete conoscenze dirette a cui rivolgervi?

Se siete come il 90% della popolazione siete fra coloro che si fanno consigliare un nome e poi lo cercano su internet (o fate direttamente una ricerca su google).

In genere, se il sito non c’è, è fatto male, o non è aggiornato, ci si orienta da qualche altra parte.

search engine optimisation liverpool

Questo capita anche a chi cerca voi o vorrebbe comprare qualcosa che potreste fare, ovviamente.

Fino a qualche tempo fa, per realizzare il proprio sito era necessario ricorrere a un professionista, appaltare il lavoro al nipote smanettone, o frequentare corsi da qualche mese per imparare a utilizzare prodotti informatici tutt’altro che semplici.

Ora, almeno per quanto può servire a un professionista, un artigiano e perfino a una PMI, le competenze necessarie alla realizzazione del sito sono significativamente più accessibili per tutti.

In dodici ore di aula, con il nostro aiuto, avrete realizzato il vostro sito wordpress (e i prossimi ve li potrete fare da soli) e sarete in grado di gestire da soli la vostra immagine e magari anche il vostro negozio su internet.

Il tutto in sei incontri da due ore ognuno, una o due volte la settimana.

Docente: Guido Silipo

Metodo: inverseTraining®

Costo: 300,00

Informazioni: www.lateneo.it

maggiori informazioni

Pubblicato in formazione, Inversetraining, professionisti | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Corso abilitazione Catalizzatori

Sono aperte le selezioni per 30 posti disponibili (due aule da massimo 15 partecipanti ognuna) nel corso di formazione 1/2016 propedeutico all’abilitazione professionale G-ITC come Catalizzatore e Group Coach secondo il metodo inverseTraining®.
Il corso si svolgerà in Roma, zona Aurelio dal 20 gennaio al 29 maggio e sarà articolato in 25 sessioni in aula della durata di due ore ognuna, in modalità mista (frontale e inverseTraining®); oltre a queste saranno previste attività on line obbligatorie, quali esercitazioni, test e consultazione assistita di bibliografie consigliate, per un impegno ulteriore stimato in circa altre cinquanta ore.

Al termine del corso e del tirocinio previsto i partecipanti potranno iscriversi all’esame di abilitazione alla professione di Group InTraCatalyst e Coach (G-ITC): il comitato di valutazione IniTs (International Inverse TrainingSociety) si insedierà a Roma dal 27 al 30 giugno per la sessione estiva e dal 12 al 15 dicembre per quella invernale.

Per quanti non fossero iscritti come USER-iT (presentando l’attestato di partecipazione a un incontro preparatorio all’uso del metodo, necessario per prendere parte come utente a corsi in modalità inverseTraining®) è prevista una sessione apposita in data 13 gennaio, della durata di circa due ore; ricordiamo che, come d’uso, quanti avessero già conseguito l’attestato potranno, se lo desiderano, partecipare alla lezione a titolo gratuito.

Le sessioni di aula saranno così articolate (in sede di definizione del gruppo classe saranno possibili variazioni, se richieste dai partecipanti e compatibili con le esigenze di tutti):

programma sessioni formative in aula

Mese

Giorno Durata ore

Argomenti principali

Gennaio

20

2

Lo stato dell’arte: metodi e modelli di formazione frontale, formazione esperienziale ciclo Kolb, coaching cognitivo di gruppo

27

2

Febbraio

3

2

I gruppi e i modelli di analisi: Belbin, Reti Neurali e Apprendimento, Modello di Tuckman, Margerison – Mc Cann, T – Group, Comunità di Pratica

 

10

2

17

2
24

2

Marzo

2

2

Gli strumenti concettuali della formazione, della formazione esperienziale e del coaching di gruppo in pratica.

Gli strumenti tecnici: mappe mentali, diagrammi analitici e decisionali (SWOT e i suoi fratelli), tecniche maieutiche, eccetera.

11

4

12

4

16

2

23

2

30

2

Aprile

6

2

InverseTraining®in pratica: Analisi psicoantropologiche, rituali e liturgie come ausili nella formazione e nel coaching.

13

2

20

2

27

2

Maggio

4

2

InverseTraining®in pratica: I saperi, la loro connotazione funzionale alla generazione di senso, la gestione della sessione, il wikidocumento finale.

11

2

18

2

28

4

29

4

Totale ore

5

A partire dal mese di marzo sarà possibile dare inizio alle sessioni di tirocinio secondo i gruppi di appartenenza:

  • Gruppo A (consulenti, formatori e docenti con almeno cinque anni di esperienza, e/o iscritti ad Accademia dei Professionisti): partecipante o assistente catalizzatore in non meno di quattro sessioni di InverseTraining®;
  • Gruppo B (laureati in discipline coerenti con la professione o persone con cultura specifica equivalente): partecipante o assistente catalizzatore in non meno di otto sessioni di InverseTraining®;
  • Gruppo C (persone con caratteristiche non corrispondenti a quelle dei precedenti gruppi): partecipante o assistente catalizzatore in non meno di dodici sessioni di InverseTraining®;

Quanti le avranno ultimate entro il 15/05/2016 potranno direttamente iscriversi agli esami per l’abilitazione professionale G-ITC tenuti da IniTs dal 27 al 30 giugno 2016.

Costi e rateizzazioni

COSTI E RATEIZZAZIONI

 

UNICA SOLUZIONE DATA SALDO

RATEIZZAZIONE

Sessione USER-iT 13/01/2016

€       50,00

11/01/2016

€       50,00

Corso 25 sessioni

€  1.250,00

18/01/2016

1a Rata                   €     500,00

15/02/2016

2a Rata                   €     250,00

14/03/2016

3a Rata                   €     250,00

11/04/2016

4a Rata                   €     250,00
Esame qualificazione

€     200,00

15/05/2016

€     200,00

Per ulteriori informazioni, per inviare il CV e richiedere una valutazione preventiva dei requisiti, per prenotare un colloquio di selezione e per ricevere la modulistica necessaria all’iscrizione

mailto:booking-it@inversetraining.com

Pubblicato in abilitazione, Catalizzatori, certificazione, coaching, INITS, InTraCatalyst | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

MANUALE DEL CATALIZZATORE

Finalmente abbiamo completato la migrazione su supporto wiki del Manuale del Catalizzatore, strumento fondamentale per la professione.

Adesso è possibile, a tutti i Catalyst abilitati, non soltanto leggere il manuale, ma anche partecipare alla sua scrittura.

Il nostro testo, così, si varrà della saggezza e dell’esperienza di ognuno, per crescere e rimanere in contatto con l’evoluzione dei contesti all’interno dei quali portiamo la nostra professione.

Per questo motivo, in questa fase, abbiamo lasciato alcuni argomenti appena accennati, in attesa di essere sviscerati dal risultato della discussione fra professionisti che ci auguriamo si attivi.

In futuro attiveremo anche la possibilità di confronto fra i manuali delle diverse aree geografiche. In ogni caso le esperienze saranno tenute separate, allo scopo di evitare lo svilupparsi di possibili subalternità culturali che andrebbero a danno dell’efficacia con cui il sistema InverseTrainig® dialoga con ogni cultura: preferiamo di gran lunga una integrazione “a foglie di insalata”, rispetto a un “melting pot” in cui tutte le specificità che consideriamo ricchezza finiscano,nella fusione, per sparire.

I catalizzatori possono richiedere a assistenza@inversetraining.com la registrazione necessaria e il link per accedere al manuale, tanto in lettura, quanto in scrittura.

Un altro passo avanti!

Coraggio: lavorare per tutti è lo strumento migliore per la crescita di ognuno!

Pubblicato in Catalizzatori, formazione, INITS, InTraCatalyst, Inversetraining, manuale, professionisti | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Abilitazioni InverseTraining® da novembre 2015

A partire dal 31/10/2015 le abilitazioni  riconosciute da IniTS (International Inverse Training Society) per utilizzare il metodo InverseTraining® saranno sette.

Una di esse (USER) è destinata, come del resto suggerisce il nome, a quanti usufruiscano del metodo in qualità di utenti, e si consegue attraverso la prima sessione di ogni corso, che sarà obbligatoriamente destinata alla spiegazione del metodo. L’abilitazione USER si ottiene una volta per tutte, ma l’utente abilitato potrà, se lo desidera, seguire gratuitamente la sessione apposita in ogni corso cui parteciperà.

Le abilitazioni di tipo ITC sono necessarie per l’uso professionale come Catalyst e come Coach di Gruppo e si ottengono in seguito al completamento di un percorso in tre tappe:

  1. Attestazione della frequenza relativa a corsi specifici tenuti da strutture concessionarie e docenti accreditati S-TRAINER,G-TRAINER o C-TRAINER;
  2.  Diploma conseguito a seguito di esame direttamente gestito da INITS;
  3. Attestazione del tirocinio (diversamente modulato per ogni qualifica in entrata e in uscita; la normativa sarà pubblicata a parte, sempre su queste pagine).

Al completamento del percorso descritto, INITS riconoscerà l’abilitazione, gestirà il sistema di attestazione del livello di esperienza conseguito e acquisirà i dati relativi alla formazione continua obbligatoria (un minimo di dodici sessioni di aggiornamento specifico l’anno a partire da un anno solare dal conseguimento della prima qualifica professionale).

Le abilitazioni di tipo TRAINER sono necessarie per erogare la formazione a aspiranti ITC e per essere chiamati a partecipare alle relative commissioni d’esame; si ottengono in seguito al completamento di un ulteriore percorso in tre tappe:

  1. Conseguimento dell’abilitazione come ITC per la specializzazione (School, Group o Corporate) per cui si intende acquisire il ruolo di TRAINER;
  2. Certificazione INITS del raggiungimento del livello esperienziale non inferiore a 3;
  3. Diploma conseguito a seguito di esame INITS.

 

Nome Formazione Abilitazione Note
USER
  • 1 sessione (2 ore)
  • Semplice frequenza
  • Si può conseguire come prima lezione aggiunta ad un corso oppure seguendo una conferenza apposita.
  • Non scade e non ha bisogno di aggiornamento

School InTraCatalyst

S-ITC

  • 16 sessioni (32 ore)
  • Attestato di frequenza
  • Tirocinio 4 sessioni
  • Esame
  • Accreditamento valido solo per la conduzione di gruppi di studenti nelle scuole.
  • Può erogare il corso e l’abilitazione USER.
  • Può accedere all’abilitazione G-ITC attraverso corso di 18 ore e esame integrativo.
  • Aggiornamento minimo annuale: 12 sessioni.

Group InTraCatalyst

G-ITC

  • 25 sessioni (50 ore)
  • Attestato di frequenza
  • Tirocinio 4/8/12 sessioni
  • Esame
  • Accreditamento valido per la conduzione di gruppi  clientela retail.
  • Può accedere all’abilitazione S-ITC attraverso un esame integrativo.
  • Può erogare il corso e l’abilitazione USER.
  • Aggiornamento minimo annuale: 12 sessioni.

Corporate InTraCatalyst

C-ITC

  • 50 sessioni (100 ore)
  • Abilitazione G-ITC
  • Attestato di frequenza
  • Tirocinio 4/8/12 sessioni
  • Esame
  • I precedenti più clientela corporate.
  • Può erogare il corso e l’abilitazione USER.
  • Aggiornamento minimo annuale: 12 sessioni.
S-TRAINER
  • Formazione continua obbligatoria (12 sessioni/anno a partire dal secondo anno)
  • Livello minimo S-ITC 3
  • Esame
  • Per la formazione e la valutazione di S-ITC
G-TRAINER
  • Formazione continua obbligatoria (12 sessioni/anno a partire dal secondo anno)
  • Livello minimo G-ITC 3
  • Esame
  • Per la formazione e la valutazione di S-ITC e G-ITC
C-TRAINER
  • Formazione continua obbligatoria (12 sessioni/anno a partire dal secondo anno)
  • Livello minimo 3 C-ITC
  • Esame
  • Per la formazione e la valutazione di S-ITC, G-ITC e C-ITC
Pubblicato in abilitazione, Catalizzatori, formazione, INITS, InTraCatalyst, Inversetraining, news, professionisti | Contrassegnato , , , , , , , | 6 commenti

InverseTraining per Insegnanti

iT Scuola

Corsi di aggiornamento professionale per Insegnanti:
il Coaching di Gruppo col metodo Inverse Training® per la scuola, 2015-2016.

Cos’è Inverse Training®?

Dalle notizie che si susseguono sull’analfabetismo funzionale e dalle difficoltà che in misura crescente incontra la formazione tradizionale, appare ormai evidente che si profila una vera e propria crisi della didattica frontale. Con la globalizzazione dell’accesso alle informazioni, la frontiera si sposta dal ricevere quantità di conoscenza con un apporto didattico ad appropriarsi della materia e delle metodologie con approccio critico qualitativo. Buona parte della didattica e della formazione possono essere integrate dal coaching e dal lavoro di gruppo, ma a nostro avviso occorre un’innovazione più sostanziale.

Inverse Training® è un nuovo metodo di coaching di gruppo cognitivo studiato tanto per la formazione quanto per la didattica scolastica. La particolarità del sistema Inverse è identificare una strategia cognitiva comune all’interno del gruppo e renderlo così protagonista dell’apprendimento e autonomo nell’elaborazione del senso della materia. Inverse Training® riposiziona la figura del docente come catalizzatore (catalyst) del fenomeno cognitivo, portandolo dietro le quinte, da attore a regista, del processo che attiva nel gruppo.

Diventare Catalizzatore Inverse Training® per la Scuola

Da ottobre 2015, abbiamo istituito due diversi percorsi per catalizzare gruppi in apprendimento con il sistema Inverse Training®: il corso School-InTraCatalyst, riservato agli insegnati, e Group-InTraCatalyst per formatori extrascolastici.

Il nostro corso da catalizzatore Inverse Training® per la scuola ha una durata di 32 ore, divise in 16 sessioni da due ore, con classi di dieci partecipanti.

È indirizzato ai docenti delle scuole medie superiori.

A ogni partecipante verrà consegnato un attestato di frequenza, che a seguito di almeno 4 sessioni di tirocinio, darà diritto a sostenere l’esame di abilitazione come catalizzatore Inverse Training® per la scuola (School-InTraCatalyst) direttamente gestito da InITS (International Inverse Training Society).

Le ore di aula e di tirocinio di questo corso verranno riconosciute pienamente se si vorrà partecipare al corso per l’abilitazione alla professione di catalizzatore Inverse Training nella formazione extra-scolastica, professionale e manageriale.

 

Prezzi

Prezzo 2015-16 riservato a insegnanti e dirigenti scolastici: 500,00 euro.
(Prezzo pieno: 800,00 euro; 50,00 euro per ogni sessione da due ore).
Esame di abilitazione (opzionale): 200,00 euro.

Per ulteriori informazioni, scrivete a info@inversetraining.com

Per iscriversi, compilare il form

Per dare l’adesione al corso, compilare il form.

Leggere attentamente l’informativa sulla privacy e le condizioni del servizio

 Ho letto l’informativa sulla privacy e accetto le condizioni del servizio *

*) Obbligatorio.
Pubblicato in abilitazione, Catalizzatori, certificazione, InTraCatalyst, Inversetraining, scuola | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

InverseTraining in breve

Ma insomma, che cos’è questo InverseTraining ?
Ma per quale motivo abbiamo bisogno di un nuovo metodo per imparare e insegnare?

Pubblicato in video | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento