Cosa è l’InverseTraining®

change

 

Lo sappiamo tutti: la formazione non funziona più come una volta!

Non è colpa dei docenti, né dei discenti: semplicemente la formazione standard serve a sapere “più cose”, quando oggi di “cose” ne sappiamo già tante da ostacolare ogni nuovo apprendimento.

Costruire competenza nella forma più potente e efficace vuol dire dare un senso al sapere per poterlo usare davvero.

Inverse Training prende le mosse dalla considerazione che il mondo della formazione ha bisogno di evolversi e di trasformarsi in funzione di nuove prospettive di apprendimento. La tecnologia ci consente ormai di reperire e accumulare rapidamente e con facilità grandi quantità di informazioni e contenuti. Ma trasformare questi materiali in solide ed efficaci competenze significa attribuire loro un senso condiviso e condivisibile. E, perché questo processo funzioni nel migliore dei modi, rendendo possibile l’apprendimento al di là dell’ostacolo costituito dalle convinzioni personali di ognuno dei partecipanti, il senso dovrebbe essere generato attraverso il coinvolgimento del gruppo, invece che imposto.

Per questo è nato Inverse Training, un sistema di formazione innovativo in cui chi coordina l’esperienza di apprendimento non fornisce necessariamente contenuti, ma guida un processo che permette di raggiungere gli obiettivi formativi per mezzo della elaborazione catalizzata dei saperi, delle informazioni, delle esperienze del gruppo.

Un metodo pragmatico, nato da esperienze sul campo realizzate in aziende e con privati, sistematizzato in collaborazione fra diversi professionisti e ricercatori a Roma, New York e San Francisco, disponibile da gennaio 2015 in Italia e in fase di lancio da marzo in California e da maggio a New York.

Il processo formativo iT ha l’obiettivo di ridurre il tempo di apprendimento (e quindi i costi della formazione), migliorando i risultati attraverso un percorso di coinvolgimento capace di incrementare l’intensità cognitiva, moltiplicando comprensione e motivazione nonché spendibilità immediata di quanto appreso. Un modo per far sì che espandere le proprie potenzialità e approfondire le competenze sia più efficace, semplice ed economico.

Il sistema InverseTraining® è elaborato e aggiornato da IniTs (International inverse Training society) un network internazionale cui faranno riferimento i diversi gruppi nazionali di supporto e diffusione. In alternativa ai gruppi appositamente costituiti supporto e diffusione possono essere affidati con accordo di licenza a diverse organizzazioni locali.

In fase di startup il network IniTs è ospitato da Studio Guido Silipo & Associati in Italia.

Il network si occupa di

  • definire gli standard e le modalità della formazione iniziale e continua per il conseguimento e mantenimento della qualifica professionale di InTraCatalyst,
  • della validazione delle esperienze dei Catalizzatori e
  • del sistema di valorizzazione dell’esperienza descritto più avanti

e fornisce, a sostegno della loro attività, un sistema di organizzazione

  • della promozione,
  • delle vendite,
  • dell’amministrazione dei compensi.

Il Catalizzatore, o InTraCatalyst nella dicitura internazionale, è a tutti gli effetti il conduttore della sessione, la persona che svolge la funzione di stimolo e gestione delle interazioni del gruppo in apprendimento, quello che, nella formazione standard, sarebbe stato il ruolo del Formatore. Diversamente dal Formatore, tuttavia, non è tanto suo compito fornire risposte, ma soprattutto aiutare la focalizzazione delle giuste domande.

Non dovrà distribuire contenuti sulla base del proprio sapere, bensì presidiare la generazione di nuovi saperi a partire dalla condivisione di quelli di ognuno. Il compito che svolge, pertanto, è quello di facilitare la mediazione di un senso che risponda alla necessità di dare risposta al problema che si è deciso di risolvere attraverso il lavoro del gruppo, a partire dai concetti, dai saperi, valori e credenze di cui ognuno si fa portatore.

Per ottenere la qualifica iniziale di InTraCatalyst, che consente di esercitare la libera professione, limitatamente all’ambito retail, è necessario frequentare un corso specifico in venticinque sessioni da due ore (a meno che non si rientri nella selezione dei primi cento catalizzatori, cui è stata consentita l’abilitazione a seguito di un percorso intensivo ridotto), seguito da un’attività assistita sul campo la cui durata è determinata a partire dalle esperienze pregresse. A seguito della formazione seguita e del tirocinio, l’aspirante InTraCatalyst dovrà superare gli esami che InITs tiene mediamente due volte l’anno. Da quel momento il catalizzatore potrà liberamente operare, con l’obbligo, a partire dal sesto mese seguente l’abilitazione, di un aggiornamento minimo pari a una sessione al mese. Il costante aggiornamento e la valorizzazione delle esperienze di aula maturate saranno riconosciuti come “livelli” che qualificheranno ulteriormente i professionisti.

La qualifica di CorporateCatalyst, necessaria per operare nelle organizzazioni, si ottiene a seguito di un ulteriore specifico percorso formativo, cui è possibile accedere solo su invito da parte dell’apposito comitato di valutazione.

Ogni Catalizzatore è un professionista indipendente, libero di operare sia all’interno dei corsi organizzati attraverso il network internazionale,sia all’esterno, organizzandone in proprio.

Le sessioni di InverseTraining® possono essere realizzate in qualsiasi ambito formativo, utilizzando il sistema promozionale, organizzativo, commerciale e amministrativo messo a disposizione dal network, oppure come parte dell’attività libero professionale svolta secondo le usuali modalità.

Naturalmente, per poter garantire la qualità effettiva delle competenze dei Catalizzatori abilitati alla professione, le attività di formazione per l’accreditamento, abilitazione e aggiornamento degli InTraCatalyst devono essere necessariamente svolte dall’organizzazione detentrice o da una licenziataria del marchio InverseTraining® .

Allo stesso modo, per quanto riguarda le attività di formazione in ambito CORPORATE, solo i corsi realizzati attraverso il network e da Catalizzatori in possesso dell’abilitazione “CorporateCatalyst” potranno essere validati con l’utilizzo del marchio iT.

In ogni caso, dal punto di vista della valutazione dell’esperienza dei catalizzatori, al network è possibile certificare e garantire solo la formazione svolta al proprio interno, per cui le sessioni catalizzate al di fuori del sistema non incrementeranno il punteggio esperienziale del catalizzatore e le attestazioni saranno rilasciate ai partecipanti sotto la responsabilità non del network bensì del professionista, che avrà comunque titolo e licenza per utilizzare, insieme al proprio o a quello dell’azienda per cui si trovasse a operare, nome e/o marchio InverseTraining®.

I modelli di intervento fino a qui strutturati sono denominati

  • Gruppo di Apprendimento di Base , che si svolge in 4 sessioni (la sessione è l’elemento modulare fisso dell’iT e ha la durata di due ore) e che tipicamente serve a condividere senso e competenze di ridotta complessità;
  • Gruppo di Potenziamento Specifico che si svolge in 8 sessioni, normalmente utilizzato per elaborare relativamente a questioni di complessità ridotta, ma in direzione di un approfondimento dei dati;
  • Gruppo di Autoformazione Condivisa che si svolge in 12 sessioni per applicarsi a questioni di ivello strategico, con maggiore complessità, quindi con un’attesa maggiore di comportamento emergente;
  • Gruppo di Interesse Speciale/InverseLab che si svolge in un numero indeterminato di sessioni per sviluppare in particolare comportamenti emergenti da sistemi complessi

La partecipazione a corsi in modalità iT

  • organizzati all’interno del network InITs-RETAIL, a partecipazione individuale, ha il costo fisso di € 50,00 a sessione per ogni partecipante
  • organizzati all’interno del network InITs-CORPORATE, aziendali, ha il costo fisso di € 750,00 a sessione indipendentemente dal numero dei partecipanti (comunque sempre compresi fra 7 e 15)